Check out what’s new from Firebase at Google I/O 2022. Learn more

Abilita App Check con SafetyNet su Android

Questa pagina mostra come abilitare App Check in un'app Android, utilizzando il provider SafetyNet integrato. Quando abiliti App Check, contribuisci a garantire che solo la tua app possa accedere alle risorse Firebase del tuo progetto. Vedi una panoramica di questa funzione.

Se desideri utilizzare App Check con il tuo provider personalizzato, consulta Implementare un provider di App Check personalizzato .

1. Configura il tuo progetto Firebase

  1. Aggiungi Firebase al tuo progetto Android se non l'hai già fatto.

  2. Registra le tue app per utilizzare App Check con il provider SafetyNet nella sezione App Check della console Firebase. Dovrai fornire l'impronta digitale SHA-256 del certificato di firma della tua app.

    Di solito devi registrare tutte le app del tuo progetto, perché una volta abilitata l'applicazione per un prodotto Firebase, solo le app registrate potranno accedere alle risorse di back-end del prodotto.

  3. Facoltativo : nelle impostazioni di registrazione dell'app, imposta un TTL (Time-to-Live) personalizzato per i token App Check emessi dal provider. È possibile impostare il TTL su qualsiasi valore compreso tra 30 minuti e 7 giorni. Quando si modifica questo valore, prestare attenzione ai seguenti compromessi:

    • Sicurezza: TTL più brevi forniscono una maggiore sicurezza, perché riduce la finestra in cui un token trapelato o intercettato può essere abusato da un utente malintenzionato.
    • Prestazioni: TTL più brevi significano che la tua app eseguirà l'attestazione più frequentemente. Poiché il processo di attestazione dell'app aggiunge latenza alle richieste di rete ogni volta che viene eseguita, un TTL breve può influire sulle prestazioni dell'app.
    • Quota e costi: TTL più brevi e frequenti riattestazioni esauriscono la tua quota più velocemente e, per i servizi a pagamento, potenzialmente costano di più. Vedere Quote e limiti .

    Il TTL predefinito di 1 ora è ragionevole per la maggior parte delle app. Tieni presente che la libreria App Check aggiorna i token a circa la metà della durata del TTL.

2. Aggiungi la libreria App Check alla tua app

Nel file Gradle del tuo modulo (a livello di app) (di solito app/build.gradle ), dichiara la dipendenza per la libreria Android di App Check:

Java

dependencies {
    implementation 'com.google.firebase:firebase-appcheck-safetynet:16.0.0'
}

Kotlin+KTX

dependencies {
    implementation 'com.google.firebase:firebase-appcheck-safetynet:16.0.0'
}

3. Inizializza il controllo dell'app

Aggiungi il seguente codice di inizializzazione alla tua app in modo che venga eseguita prima di utilizzare qualsiasi altro SDK Firebase:

Java

FirebaseApp.initializeApp(/*context=*/ this);
FirebaseAppCheck firebaseAppCheck = FirebaseAppCheck.getInstance();
firebaseAppCheck.installAppCheckProviderFactory(
        SafetyNetAppCheckProviderFactory.getInstance());

Kotlin+KTX

FirebaseApp.initializeApp(/*context=*/this)
val firebaseAppCheck = FirebaseAppCheck.getInstance()
firebaseAppCheck.installAppCheckProviderFactory(
    SafetyNetAppCheckProviderFactory.getInstance()
)

Dopo aver installato la libreria App Check nell'app, inizia a distribuire l'app aggiornata ai tuoi utenti.

L'app client aggiornata inizierà a inviare token App Check insieme a ogni richiesta effettuata a Firebase, ma i prodotti Firebase non richiederanno che i token siano validi finché non abiliti l'applicazione nella sezione App Check della console Firebase. Per i dettagli, vedere le due sezioni successive.

4. Monitorare le metriche delle richieste

Ora che la tua app aggiornata è nelle mani degli utenti, puoi abilitare l'applicazione di App Check per i prodotti Firebase che utilizzi. Prima di farlo, tuttavia, dovresti assicurarti che ciò non interrompa i tuoi utenti legittimi esistenti.

Database in tempo reale, Cloud Firestore e Cloud Storage

Uno strumento importante che puoi utilizzare per prendere questa decisione per Realtime Database, Cloud Firestore e Cloud Storage è la schermata delle metriche di richiesta di App Check.

Per visualizzare le metriche di richiesta di App Check per un prodotto, apri la sezione App Check della console Firebase. Per esempio:

Screenshot della pagina delle metriche di App Check

Le metriche di richiesta per ciascun prodotto sono suddivise in quattro categorie:

  • Le richieste verificate sono quelle che hanno un token App Check valido. Dopo aver abilitato l'applicazione di App Check, solo le richieste in questa categoria avranno esito positivo.

  • Le richieste client obsolete sono quelle a cui manca un token App Check. Queste richieste potrebbero provenire da una versione precedente dell'SDK Firebase prima che App Check fosse incluso nell'app.

  • Le richieste di origine sconosciuta sono quelle a cui manca un token App Check e non sembrano provenire da Firebase SDK. Potrebbero provenire da richieste effettuate con chiavi API rubate o richieste contraffatte effettuate senza Firebase SDK.

  • Le richieste non valide sono quelle che hanno un token App Check non valido, che potrebbe provenire da un client non autentico che tenta di impersonare la tua app o da ambienti emulati.

La distribuzione di queste categorie per la tua app dovrebbe informare quando decidi di abilitare l'applicazione. Ecco alcune linee guida:

  • Se quasi tutte le richieste recenti provengono da client verificati, valuta la possibilità di abilitare l'applicazione per iniziare a proteggere le tue risorse di back-end.

  • Se una parte significativa delle richieste recenti proviene da client probabilmente obsoleti, per evitare di interrompere gli utenti, valutare la possibilità di attendere che più utenti aggiornino l'app prima di abilitare l'applicazione. L'applicazione di App Check su un'app rilasciata interromperà le versioni precedenti dell'app che non sono integrate con App Check SDK.

  • Se la tua app non è stata ancora avviata, dovresti abilitare immediatamente l'applicazione di App Check, poiché non sono in uso client obsoleti.

Funzioni cloud

Per le funzioni cloud, puoi ottenere le metriche di App Check esaminando i registri delle tue funzioni. Ogni chiamata di una funzione richiamabile emette una voce di registro strutturata come nell'esempio seguente:

{
  "severity": "INFO",    // INFO, WARNING, or ERROR
  "logging.googleapis.com/labels": {"firebase-log-type": "callable-request-verification"},
  "jsonPayload": {
    "message": "Callable header verifications passed.",
    "verifications": {
      // ...
      "app": "MISSING",  // VALID, INVALID, or MISSING
    }
  }
}

Puoi analizzare queste metriche in Google Cloud Console creando una metrica contatore basata su log con il seguente filtro di metrica:

resource.type="cloud_function"
resource.labels.function_name="YOUR_CLOUD_FUNCTION"
resource.labels.region="us-central1"
labels.firebase-log-type="callable-request-verification"

Etichetta la metrica utilizzando il campo jsonPayload.verifications.appCheck .

5. Abilita l'applicazione

Per abilitare l'applicazione, segui le istruzioni per ciascun prodotto di seguito. Dopo aver abilitato l'applicazione per un prodotto, tutte le richieste non verificate a quel prodotto verranno rifiutate.

Database in tempo reale, Cloud Firestore e Cloud Storage

Per abilitare l'applicazione per Realtime Database, Cloud Firestore (iOS e Android) e Cloud Storage:

  1. Apri la sezione App Check della console Firebase.

  2. Espandi la visualizzazione delle metriche del prodotto per il quale desideri abilitare l'applicazione.

  3. Fare clic su Applica e confermare la scelta.

Tieni presente che possono essere necessari fino a 15 minuti dopo l'attivazione dell'applicazione affinché diventi effettiva.

Funzioni cloud

Vedere Abilitazione dell'applicazione di App Check per le funzioni cloud .

Prossimi passi

Se, dopo aver registrato la tua app per App Check, desideri eseguire la tua app in un ambiente che App Check normalmente non classificherebbe come valido, ad esempio un emulatore durante lo sviluppo, o da un ambiente di integrazione continua (CI), puoi crea una build di debug della tua app che usa il provider di debug di App Check invece di un vero provider di attestazione.

Vedi Usa App Check con il provider di debug su Android .