Personalizza i rapporti sugli arresti anomali di Firebase Crashlytics

Nella dashboard di Crashlytics, puoi fare clic su un problema e ottenere un rapporto dettagliato sull'evento. Puoi personalizzare questi report per aiutarti a comprendere meglio cosa sta succedendo nella tua app e le circostanze relative agli eventi segnalati a Crashlytics.

  • Ottieni automaticamente i log breadcrumb se la tua app utilizza l'SDK Firebase per Google Analytics. Questi log ti offrono visibilità sulle azioni degli utenti che portano a un evento raccolto da Crashlytics nella tua app.

  • Disattiva la segnalazione automatica degli arresti anomali e abilita la segnalazione di attivazione per i tuoi utenti. Tieni presente che, per impostazione predefinita, Crashlytics raccoglie automaticamente rapporti sugli arresti anomali per tutti gli utenti della tua app.

Aggiungi chiavi personalizzate

Le chiavi personalizzate ti aiutano a ottenere lo stato specifico della tua app che ha portato a un arresto anomalo. Puoi associare coppie chiave/valore arbitrarie ai rapporti sugli arresti anomali, quindi utilizzare le chiavi personalizzate per cercare e filtrare i rapporti sugli arresti anomali nella console Firebase.

  • Nella dashboard di Crashlytics puoi cercare i problemi che corrispondono a una chiave personalizzata.

  • Quando esamini un problema specifico nella console, puoi visualizzare le chiavi personalizzate associate a ciascun evento (sottoscheda Chiavi ) e persino filtrare gli eventi in base alle chiavi personalizzate (menu Filtro nella parte superiore della pagina).

Utilizza il metodo dell'istanza setCustomKey per impostare coppie chiave/valore. Tieni presente che setCustomKey è sovraccaricato affinché il parametro value accetti qualsiasi argomento primitivo o String . Ecco alcuni esempi:

Kotlin+KTX

val crashlytics = Firebase.crashlytics
crashlytics.setCustomKeys {
    key("my_string_key", "foo") // String value
    key("my_bool_key", true) // boolean value
    key("my_double_key", 1.0) // double value
    key("my_float_key", 1.0f) // float value
    key("my_int_key", 1) // int value
}

Java

FirebaseCrashlytics crashlytics = FirebaseCrashlytics.getInstance();

crashlytics.setCustomKey("my_string_key", "foo" /* string value */);

crashlytics.setCustomKey("my_bool_key", true /* boolean value */);

crashlytics.setCustomKey("my_double_key", 1.0 /* double value */);

crashlytics.setCustomKey("my_float_key", 1.0f /* float value */);

crashlytics.setCustomKey("my_int_key", 1 /* int value */);

Puoi anche modificare il valore di una chiave esistente chiamando la chiave e impostandola su un valore diverso. Per esempio:

Kotlin+KTX

val crashlytics = Firebase.crashlytics
crashlytics.setCustomKeys {
    key("current_level", 3)
    key("last_UI_action", "logged_in")
}

Java

FirebaseCrashlytics crashlytics = FirebaseCrashlytics.getInstance();

crashlytics.setCustomKey("current_level", 3);
crashlytics.setCustomKey("last_UI_action", "logged_in");

Aggiungi coppie chiave/valore in blocco passando un'istanza di CustomKeysAndValues ​​al metodo dell'istanza setCustomKeys :

Kotlin+KTX

Per Kotlin, la funzionalità esistente è più semplice rispetto all'utilizzo del builder CustomKeysAndValues .

crashlytics.setCustomKeys {
  key("str_key", "hello")
  key("bool_key", true)
  key("int_key", 1)
  key("long_key", 1L)
  key("float_key", 1.0f)
  key("double_key", 1.0)
}

Java

CustomKeysAndValues keysAndValues = new CustomKeysAndValues.Builder()
.putString("string key", "string value")
.putString("string key 2", "string  value 2")
.putBoolean("boolean key", True)
.putBoolean("boolean key 2", False)
.putFloat("float key", 1.01)
.putFloat("float key 2", 2.02)
.build();

FirebaseCrashlytics.getInstance().setCustomKeys(keysAndValues);

Aggiungi messaggi di registro personalizzati

Per avere più contesto per gli eventi che portano a un arresto anomalo, puoi aggiungere log Crashlytics personalizzati alla tua app. Crashlytics associa i log ai dati sugli arresti anomali e li visualizza nella pagina Crashlytics della console Firebase , nella scheda Log .

Utilizza log per individuare i problemi. Per esempio:

Kotlin+KTX

Firebase.crashlytics.log("message")

Java

FirebaseCrashlytics.getInstance().log("message");

Imposta gli identificatori utente

Per diagnosticare un problema, spesso è utile sapere quale dei tuoi utenti ha riscontrato un determinato arresto anomalo. Crashlytics include un modo per identificare in modo anonimo gli utenti nei rapporti sugli arresti anomali.

Per aggiungere ID utente ai tuoi rapporti, assegna a ciascun utente un identificatore univoco sotto forma di numero ID, token o valore hash:

Kotlin+KTX

Firebase.crashlytics.setUserId("user123456789")

Java

FirebaseCrashlytics.getInstance().setUserId("user123456789");

Se mai fosse necessario cancellare un identificatore utente dopo averlo impostato, reimpostare il valore su una stringa vuota. La cancellazione di un identificatore utente non rimuove i record Crashlytics esistenti. Se devi eliminare i record associati a un ID utente, contatta l'assistenza Firebase .

(Solo Android NDK) Aggiungi metadati ai rapporti sugli arresti anomali di NDK

Facoltativamente puoi includere l'intestazione crashlytics.h nel tuo codice C++ per aggiungere metadati ai rapporti sugli arresti anomali di NDK, come chiavi personalizzate , registri personalizzati e identificatori utente . Tutte queste opzioni sono descritte in questa pagina sopra.

crashlytics.h è disponibile come libreria C++ di sole intestazioni nel repository GitHub dell'SDK Android Firebase .

Leggi i commenti nel file di intestazione per istruzioni sull'utilizzo delle API NDK C++.

Include report GWP-ASan per eseguire il debug dei problemi di danneggiamento della memoria

Crashlytics può aiutarti a eseguire il debug degli arresti anomali causati da errori della memoria nativa raccogliendo report GWP-ASan. Questi errori relativi alla memoria possono essere associati al danneggiamento della memoria all'interno dell'app, che è la causa principale delle vulnerabilità della sicurezza dell'app.

  • Puoi visualizzare questi dati in una nuova scheda "Tracce dello stack di memoria" quando fai clic sui dettagli di un problema nella dashboard di Crashlytics .

  • Puoi anche utilizzare il nuovo segnale e filtro "Rapporto GWP-ASan" per visualizzare rapidamente tutti i problemi relativi a questi dati.

Puoi ottenere report sulla memoria GWP-ASan se abiliti esplicitamente GWP-ASan nella tua app e utilizzi Crashlytics SDK per NDK v18.3.6+ (Firebase BoM v31.3.0+). Puoi testare la configurazione di GWP-ASan utilizzando il codice nativo di esempio nella documentazione di Android .

Segnala eccezioni non fatali

Oltre a segnalare automaticamente gli arresti anomali della tua app, Crashlytics ti consente di registrare eccezioni non fatali e te le invia al successivo avvio dell'app.

Utilizza il metodo recordException per registrare eccezioni non irreversibili nei blocchi catch della tua app. Per esempio:

Kotlin+KTX

try {
    methodThatThrows()
} catch (e: Exception) {
    Firebase.crashlytics.recordException(e)
    // handle your exception here
}

Java

try {
    methodThatThrows();
} catch (Exception e) {
    FirebaseCrashlytics.getInstance().recordException(e);
    // handle your exception here
}

Tutte le eccezioni registrate vengono visualizzate come problemi non irreversibili nella console Firebase. Il riepilogo del problema contiene tutte le informazioni sullo stato che normalmente ottieni dagli arresti anomali, insieme ai dettagli per versione Android e dispositivo hardware.

Crashlytics elabora le eccezioni su un thread in background dedicato per ridurre al minimo l'impatto sulle prestazioni della tua app. Per ridurre il traffico di rete degli utenti, Crashlytics raggruppa insieme le eccezioni registrate e le invia al successivo avvio dell'app.

Ottieni i log breadcrumb

I log breadcrumb ti offrono una migliore comprensione delle interazioni che un utente ha avuto con la tua app prima di un arresto anomalo, di un evento non fatale o di un evento ANR. Questi log possono essere utili quando si tenta di riprodurre ed eseguire il debug di un problema.

I log breadcrumb sono forniti da Google Analytics, quindi per ottenere i log breadcrumb devi abilitare Google Analytics per il tuo progetto Firebase e aggiungere l'SDK Firebase per Google Analytics alla tua app. Una volta soddisfatti questi requisiti, i registri breadcrumb vengono automaticamente inclusi con i dati di un evento nella scheda Registri quando visualizzi i dettagli di un problema.

L'SDK di Analytics registra automaticamente l'evento screen_view che consente ai log breadcrumb di mostrare un elenco di schermate visualizzate prima dell'evento di arresto anomalo, non fatale o ANR. Un registro breadcrumb screen_view contiene un parametro firebase_screen_class .

I log breadcrumb vengono inoltre popolati con eventuali eventi personalizzati registrati manualmente nella sessione dell'utente, inclusi i dati dei parametri dell'evento. Questi dati possono aiutare a mostrare una serie di azioni dell'utente che portano a un arresto anomalo, a un evento non fatale o ANR.

Tieni presente che puoi controllare la raccolta e l'utilizzo dei dati di Google Analytics , che includono i dati che popolano i log breadcrumb.

Abilita il reporting di attivazione

Per impostazione predefinita, Crashlytics raccoglie automaticamente rapporti sugli arresti anomali per tutti gli utenti della tua app. Per offrire agli utenti un maggiore controllo sui dati che inviano, puoi abilitare il reporting attivabile disattivando il reporting automatico e inviando i dati a Crashlytics solo quando lo scegli nel tuo codice:

  1. Nel blocco application del file AndroidManifest.xml , aggiungi un tag meta-data per disattivare la raccolta automatica:

    <meta-data
        android:name="firebase_crashlytics_collection_enabled"
        android:value="false" />
    
  2. Abilita la raccolta per utenti selezionati chiamando l'override della raccolta dati di Crashlytics in fase di esecuzione. Il valore di override persiste tra i lanci della tua app in modo che Crashlytics possa raccogliere automaticamente i report. Per disattivare la segnalazione automatica degli arresti anomali, passare false come valore di sostituzione. Se impostato su false , il nuovo valore non si applica fino alla successiva esecuzione dell'app.

    Kotlin+KTX

    Firebase.crashlytics.setCrashlyticsCollectionEnabled(true)

    Java

    FirebaseCrashlytics.getInstance().setCrashlyticsCollectionEnabled(true);

Gestisci i dati di Crash Insights

Crash Insights ti aiuta a risolvere i problemi confrontando le tue tracce di stack anonime con le tracce di altre app Firebase e facendoti sapere se il tuo problema fa parte di una tendenza più ampia. Per molti problemi, Crash Insights fornisce anche risorse per aiutarti a eseguire il debug dell'arresto anomalo.

Crash Insights utilizza dati aggregati sugli arresti anomali per identificare le tendenze comuni di stabilità. Se preferisci non condividere i dati della tua app, puoi disattivare Crash Insights dal menu Crash Insights nella parte superiore dell'elenco dei problemi di Crashlytics nella console Firebase .