Configura più progetti

Mantieni tutto organizzato con le raccolte Salva e classifica i contenuti in base alle tue preferenze.

Questa pagina descrive come utilizzare più di un progetto Firebase nella tua app.

Molte app richiedono un solo progetto Firebase e la configurazione predefinita descritta nelle guide introduttive . Esempi di quando può essere utile utilizzare più progetti Firebase includono:

  • Configurazione dell'ambiente di sviluppo per l'utilizzo di diversi progetti Firebase in base al tipo di build o alla destinazione.
  • Accesso ai contenuti da più progetti Firebase nella tua app.

Supporta diversi ambienti

Un caso d'uso comune è il supporto di progetti Firebase separati per i tuoi ambienti di sviluppo e produzione.

Gli SDK Web e Admin vengono configurati passando direttamente i valori alle relative funzioni di inizializzazione. Per questi SDK, puoi utilizzare un controllo di runtime per selezionare le variabili di configurazione di sviluppo o produzione.

Le piattaforme Android e Apple (e i relativi wrapper Unity e C++) normalmente caricano la configurazione da un file di configurazione: GoogleService-Info.plist sulla piattaforma Apple e google-services.json su Android. Questi file vengono letti in un oggetto opzioni ( FIROption o FirebaseOptions ) a cui fa riferimento l'oggetto applicazione Firebase ( FIRApp o FirebaseApp ).

Per queste piattaforme, il passaggio da un ambiente all'altro viene in genere implementato come decisione in fase di compilazione, tramite l'uso di file di configurazione diversi per ogni ambiente.

Supporta più ambienti nella tua applicazione Apple

Per impostazione predefinita, FirebaseApp.configure() caricherà il file GoogleService-Info.plist in bundle con l'applicazione. Se i tuoi ambienti di sviluppo e produzione sono configurati come destinazioni separate in Xcode, puoi:

  • Scarica entrambi i file GoogleService-Info.plist
  • Memorizza i due file in directory diverse
  • Aggiungi entrambi al tuo progetto Xcode
  • Associa i diversi file ai diversi target utilizzando il pannello Target Membership:

Pannello Target Membership

Se le build fanno parte di un singolo target, l'opzione migliore è assegnare nomi univoci a entrambi i file di configurazione (ad esempio GoogleService-Info-Free.plist e GoogleService GoogleService-Info-Paid.plist ). Quindi scegli in fase di esecuzione quale plist caricare. Questo è mostrato nel seguente esempio:

// Load a named file.
let filePath = Bundle.main.path(forResource: "MyGoogleService", ofType: "plist")
guard let fileopts = FirebaseOptions(contentsOfFile: filePath!)
  else { assert(false, "Couldn't load config file") }
FirebaseApp.configure(options: fileopts)

Supporta più ambienti nella tua applicazione Android

In Android, il file google-service.json viene elaborato in risorse di stringa Android dal plug-in gradle di Google Services. Puoi vedere quali risorse vengono create nella documentazione del plug-in dei servizi Google in Elaborazione del file JSON .

Puoi avere più file google-services.json per diverse varianti di build posizionando i file google-services.json in directory dedicate denominate per ciascuna variante nella radice del modulo dell'app. Ad esempio, se si dispone di versioni di build "sviluppo" e "rilascio", la configurazione potrebbe essere organizzata in questo modo:

app/
    google-services.json
    src/development/google-services.json
    src/release/google-services.json
    ...

Per ulteriori informazioni, consulta la documentazione del plug-in dei servizi Google sull'aggiunta del file JSON .

Queste risorse vengono quindi caricate da FirebaseInitProvider , che viene eseguito prima del codice dell'applicazione e inizializza le API Firebase utilizzando tali valori.

Poiché questo provider sta solo leggendo risorse con nomi noti, un'altra opzione consiste nell'aggiungere le risorse di stringa direttamente alla tua app invece di utilizzare il plug-in gradle di Google Services. Puoi farlo tramite:

  • Rimozione del plug google-services dalla radice build.gradle
  • Eliminazione di google-services.json dal tuo progetto
  • Aggiunta diretta delle risorse di stringa
  • Eliminazione apply plugin: 'com.google.gms.google-services' dalla tua app build.gradle

Usa più progetti nella tua applicazione

A volte è necessario accedere a diversi progetti utilizzando le stesse API, ad esempio accedendo a più istanze di database. Nella maggior parte dei casi esiste un oggetto applicazione Firebase centrale che gestisce la configurazione per tutte le API Firebase. Questo oggetto viene inizializzato come parte della normale configurazione. Tuttavia, quando desideri accedere a più progetti da una singola applicazione, avrai bisogno di un oggetto applicazione Firebase distinto per fare riferimento a ciascuno individualmente. Sta a te inizializzare queste altre istanze.

In entrambi i casi, devi prima creare un oggetto opzioni Firebase per contenere i dati di configurazione per l'applicazione Firebase. La documentazione completa per le opzioni è disponibile nella documentazione di riferimento dell'API per le seguenti classi:

L'uso di queste classi per supportare più progetti in un'applicazione è illustrato nei seguenti esempi:

Rapido

// Configure with manual options. Note that projectID and apiKey, though not
// required by the initializer, are mandatory.
let secondaryOptions = FirebaseOptions(googleAppID: "1:27992087142:ios:2a4732a34787067a",
                                       gcmSenderID: "27992087142")
secondaryOptions.apiKey = "AIzaSyBicqfAZPvMgC7NZkjayUEsrepxuXzZDsk"
secondaryOptions.projectID = "projectid-12345"

// The other options are not mandatory, but may be required
// for specific Firebase products.
secondaryOptions.bundleID = "com.google.firebase.devrel.FiroptionConfiguration"
secondaryOptions.trackingID = "UA-12345678-1"
secondaryOptions.clientID = "27992087142-ola6qe637ulk8780vl8mo5vogegkm23n.apps.googleusercontent.com"
secondaryOptions.databaseURL = "https://myproject.firebaseio.com"
secondaryOptions.storageBucket = "myproject.appspot.com"
secondaryOptions.androidClientID = "12345.apps.googleusercontent.com"
secondaryOptions.deepLinkURLScheme = "myapp://"
secondaryOptions.storageBucket = "projectid-12345.appspot.com"
secondaryOptions.appGroupID = nil

Kotlin+KTX

// Manually configure Firebase Options. The following fields are REQUIRED:
//   - Project ID
//   - App ID
//   - API Key
val options = FirebaseOptions.Builder()
        .setProjectId("my-firebase-project")
        .setApplicationId("1:27992087142:android:ce3b6448250083d1")
        .setApiKey("AIzaSyADUe90ULnQDuGShD9W23RDP0xmeDc6Mvw")
        // .setDatabaseUrl(...)
        // .setStorageBucket(...)
        .build()

Java

// Manually configure Firebase Options. The following fields are REQUIRED:
//   - Project ID
//   - App ID
//   - API Key
FirebaseOptions options = new FirebaseOptions.Builder()
        .setProjectId("my-firebase-project")
        .setApplicationId("1:27992087142:android:ce3b6448250083d1")
        .setApiKey("AIzaSyADUe90ULnQDuGShD9W23RDP0xmeDc6Mvw")
        // setDatabaseURL(...)
        // setStorageBucket(...)
        .build();

ragnatela

// The following fields are REQUIRED:
//  - Project ID
//  - App ID
//  - API Key
const secondaryAppConfig = {
    projectId: "<PROJECT_ID>",
    appId: "<APP_ID>",
    apiKey: "<API_KEY>",
    // databaseURL: "...",
    // storageBucket: "...",
};

C++

firebase::AppOptions secondary_app_options;

// API key, app ID, and project ID are always required.
secondary_app_options.set_api_key("<API_KEY>");
secondary_app_options.set_app_id("<GOOGLE_APP_ID>");
secondary_app_options.set_project_id("<PROJECT_ID>");

// The following options are specific to individual Firebase products
// and may not always be required.
secondary_app_options.set_database_url("<DATABASE_URL>");
secondary_app_options.set_messaging_sender_id("<SENDER_ID>");
secondary_app_options.set_storage_bucket("<STORAGE_BUCKET>");

Unità

Firebase.AppOptions secondaryAppOptions = new Firebase.AppOptions {
  ApiKey = "<API_KEY>",
  AppId = "<GOOGLE_APP_ID>",
  ProjectId = "<PROJECT_ID>"
};

Node.js

const secondaryServiceAccount = require('./path/to/serviceAccountKey.json');

// All required options are specified by the service account,
// add service-specific configuration like databaseURL as needed.
const secondaryAppConfig = {
    credential: cert(secondaryServiceAccount),
    // databaseURL: 'https://<DATABASE_NAME>.firebaseio.com'
};

Giava

FileInputStream serviceAccount = new FileInputStream("path/to/serviceAccountKey.json");

FirebaseOptions secondaryAppConfig = new FirebaseOptions.Builder()
  .setCredential(FirebaseCredentials.fromCertificate(serviceAccount))
  .setDatabaseUrl("https://<DATABASE_NAME>.firebaseio.com/")
  .build();

Dopo aver inizializzato questo oggetto opzioni, puoi utilizzarlo per configurare un'istanza aggiuntiva dell'applicazione Firebase. Nota che in tutti gli esempi mostrati di seguito usiamo la stringa secondary . Questo nome viene utilizzato per recuperare l'istanza dell'applicazione e per distinguerla da altre istanze, inclusa l'istanza predefinita (denominata [DEFAULT] ). Dovresti scegliere una stringa appropriata per l'uso previsto dell'altro progetto Firebase.

I seguenti frammenti mostrano la connessione a un Realtime Database alternativo (le API per le altre funzionalità di Firebase seguono lo stesso schema).

Rapido

// Configure an alternative FIRApp.
FirebaseApp.configure(name: "secondary", options: secondaryOptions)

// Retrieve a previous created named app.
guard let secondary = FirebaseApp.app(name: "secondary")
  else { assert(false, "Could not retrieve secondary app") }


// Retrieve a Real Time Database client configured against a specific app.
let secondaryDb = Database.database(app: secondary)

Kotlin+KTX

// Initialize secondary FirebaseApp.
Firebase.initialize(this /* Context */, options, "secondary")

// Retrieve secondary FirebaseApp.
val secondary = Firebase.app("secondary")
// Get the database for the other app.
val secondaryDatabase = Firebase.database(secondary)

Java

// Initialize with secondary app
FirebaseApp.initializeApp(this /* Context */, options, "secondary");

// Retrieve secondary FirebaseApp
FirebaseApp secondary = FirebaseApp.getInstance("secondary");

ragnatela

// Initialize another app with a different config
const secondaryApp = firebase.initializeApp(secondaryAppConfig, "secondary");
// Access services, such as the Realtime Database
// secondaryApp.database();

C++

firebase::App* secondary_app = firebase::App::Create(secondary_app_options, "Secondary");
firebase::database::Database* secondary_database = firebase::database::Database::GetInstance(secondary_app);

Unità

var secondaryApp = Firebase.FirebaseApp.Create(secondaryAppOptions, "Secondary"));
var secondaryDatabase = Firebase.Database.FirebaseDatabase.getInstance(secondaryApp);

Node.js

// Initialize another app with a different config
const secondary = initializeApp(secondaryAppConfig, 'secondary');
// Access services, such as the Realtime Database
// const secondaryDatabase = secondary.database();

Giava

// Initialize another app with a different config
FirebaseApp secondaryApp = FirebaseApp.initializeApp(secondaryAppConfig, "secondary");

// Retrieve the database.
FirebaseDatabase secondaryDatabase = FirebaseDatabase.getInstance(secondaryApp);

Garantisci report affidabili per Analytics

Google Analytics raccoglie gli eventi molto presto nel flusso di avvio dell'app, in alcune occasioni prima che l'istanza dell'app Firebase principale sia stata configurata. In questi casi, Firebase fa riferimento alla risorsa Android o GoogleService-Info.plist sulle piattaforme Apple per cercare l'ID app Google corretto per archiviare gli eventi. Per questo motivo, si consiglia di utilizzare i metodi di configurazione predefiniti ove possibile.

Se è richiesta la configurazione del runtime, tenere presente le seguenti avvertenze:

  1. Se utilizzi AdMob e richiedi gli annunci all'avvio come consigliato, potresti perdere alcuni dati di Analytics relativi agli annunci per dispositivi mobili se non utilizzi l'approccio di configurazione basato sulle risorse.
  2. Fornisci sempre e solo un singolo ID app Google in ogni variante distribuita della tua app. Ad esempio, se fornisci la versione 1 della tua app con un determinato GOOGLE_APP_ID nella configurazione e poi carichi la versione 2 con un ID diverso, i dati di analisi potrebbero essere eliminati.
  3. Sulle piattaforme Apple, non aggiungere GoogleService-Info.plist al tuo progetto se fornisci una configurazione diversa in fase di esecuzione, in quanto ciò può comportare un'apparente modifica di GOOGLE_APP_ID e causare la perdita di Analytics.