Catch up on everything announced at Firebase Summit, and learn how Firebase can help you accelerate app development and run your app with confidence. Learn More

Inizia a testare con i dispositivi virtuali Android

Mantieni tutto organizzato con le raccolte Salva e classifica i contenuti in base alle tue preferenze.

Questo documento descrive gli AVD per il laboratorio di test, inclusi i vantaggi e le limitazioni note. Forniamo anche consigli su come testare la tua app durante l'intero ciclo di vita dello sviluppo.

Mentre gli AVD di Test Lab sono simili agli AVD per Android Studio , ci sono alcune differenze tra i due. Ad esempio, gli AVD in Test Lab hanno una connessione dati emulata anziché una connessione Wi-Fi.

Gli AVD di Test Lab con suffisso .arm o (ARM) sono emulatori avanzati che offrono i seguenti vantaggi:

  • Tempi di esecuzione del test più rapidi

  • Dimensioni e densità dello schermo allineate con gli AVD di Android Studio per coerenza

L'utilizzo di AVD con un .arm o (ARM) offre i seguenti vantaggi rispetto ad altri tipi di dispositivi fisici:

Beneficio Descrizione Casi d'uso)
Alta disponibilità Puoi eseguire i test e ottenere i risultati dei test più rapidamente durante i test con i dispositivi virtuali. Poiché i dispositivi virtuali vengono creati su richiesta, i tuoi test iniziano quasi immediatamente, fornendo una rapida convalida della tua app. Test di piccoli aggiornamenti alla tua app o test di regressione.
Durata dei test più lunga I test sui dispositivi fisici sono limitati a una durata del test di 45 minuti su ciascun dispositivo. I dispositivi virtuali supportano una durata del test fino a 60 minuti. Esecuzione di test più lunghi.
Costi inferiori I dispositivi virtuali hanno un prezzo di $ 1 all'ora per ogni dispositivo virtuale utilizzato per testare la tua app. Test giornalieri utilizzando sistemi di integrazione continua o prima del check-in del codice. Per ulteriori informazioni, consulta Livelli di utilizzo, quote e prezzi per Test Lab .

Testa la tua app con dispositivi virtuali

Puoi testare la tua app con dispositivi virtuali nello stesso modo in cui la testi con dispositivi fisici. Seleziona semplicemente i dispositivi virtuali quando selezioni le dimensioni del test per configurare una matrice di test. Per ulteriori informazioni sull'esecuzione di test con Test Lab, vedi Inizia a testare per Android con Firebase Test Lab .

Visualizza i modelli e le API supportati

Per visualizzare i modelli AVD e le API supportate da Test Lab, eseguire il comando seguente:

gcloud firebase test android models list --filter="virtual OR emulator"

Best practice per testare la tua app

I dispositivi virtuali aumentano la tua gamma di opzioni quando test la tua app con Test Lab. Ti consigliamo di utilizzare le best practice in questa sezione per testare la tua app durante l'intero ciclo di vita dello sviluppo dell'app.

Usa l'emulatore Android Studio o un dispositivo fisico collegato

Quando sviluppi la tua app, utilizza l'emulatore Android Studio o un dispositivo fisico collegato per esaminare ogni build per la convalida iniziale. Se disponi di test di strumentazione, puoi anche eseguire questi test da Android Studio su dispositivi fisici o virtuali forniti da Test Lab.

Usa i sistemi CI su ogni modifica del codice quando lavori su progetti condivisi

Se lavori su un progetto di grandi dimensioni o se contribuisci a progetti condivisi tramite GitHub o un servizio simile, ti consigliamo di utilizzare sistemi di integrazione continua (CI).

Testa le tue app su dispositivi virtuali ogni volta che viene eseguito il sistema CI o prima di ogni richiesta pull. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo di Test Lab con i sistemi CI, consulta Utilizzo di Test Lab per Android con i sistemi di integrazione continua .

Testa la tua app su dispositivi fisici con Test Lab prima di rilasciare aggiornamenti significativi dell'app

Prima di rilasciare aggiornamenti dell'app con modifiche significative all'interfaccia utente e alle funzionalità, ti consigliamo di utilizzare Test Lab per testare la tua app su dispositivi fisici. Ciò contribuirà a garantire che la tua app sia stabile e performante su un'ampia gamma di dispositivi fisici popolari. Il test su dispositivi fisici garantisce inoltre la copertura del test per qualsiasi funzionalità dell'app che si basa su funzionalità del dispositivo fisico non simulate da dispositivi virtuali. Per ulteriori informazioni su queste funzionalità, consulta Limitazioni note .

Limiti noti

Alcune funzionalità dei dispositivi fisici non sono attualmente simulate dai dispositivi virtuali o sono simulate con alcune limitazioni. La tabella seguente riepiloga le funzionalità attualmente non disponibili sui dispositivi virtuali o che sono disponibili con determinate limitazioni.

Caratteristica Particolari
Interfacce binarie dell'applicazione (ABI) Non tutti i dispositivi supportano tutti gli ABI. Se stai sviluppando con Android NDK, assicurati di generare il codice per gli ABI supportati dai dispositivi di destinazione. Per ulteriori informazioni, consulta Dispositivi disponibili in Test Lab . Per ulteriori informazioni sulla gestione dell'ABI, consulta Android ABI . Per sapere quali ABI sono supportati da un dispositivo, consulta Verificare i dispositivi di prova disponibili .

Nota: se un test nella tua matrice di test è contrassegnato come non valido, ciò potrebbe verificarsi perché la tua app ha una dipendenza dal codice nativo non supportato dall'ABI del dispositivo.

Prestazioni grafiche I dispositivi virtuali Nexus e Pixel utilizzano il rendering grafico del software. Le applicazioni ad alta intensità grafica avranno prestazioni inferiori. Se la tua app richiede un uso intensivo della grafica, usa invece i modelli SmallPhone.arm e MediumPhone.arm o dispositivi fisici.
Registrazione dello schermo La registrazione dello schermo sui dispositivi Nexus e Pixel è di 1 fotogramma al secondo.
API grafiche OpenGL ES 3.x non è supportato sui dispositivi al di sotto del livello API 29. I dispositivi più recenti non sono compatibili al 100% con le API OpenGL/Vulkan. Potresti notare piccole differenze nella grafica.

Prossimi passi