Inizia con Firebase Remote Config


Puoi utilizzare Firebase Remote Config per definire i parametri nella tua app e aggiornarne i valori nel cloud, consentendoti di modificare l'aspetto e il comportamento della tua app senza distribuire un aggiornamento dell'app. Questa guida ti guida attraverso i passaggi per iniziare e fornisce del codice di esempio, il tutto disponibile per essere clonato o scaricato dal repository GitHub firebase/quickstart-ios .

Passaggio 1: aggiungi Remote Config alla tua app

  1. Se non l'hai già fatto, aggiungi Firebase al tuo progetto Apple .

  2. Per Remote Config, Google Analytics è necessario per il targeting condizionale delle istanze dell'app alle proprietà utente e ai segmenti di pubblico. Assicurati di abilitare Google Analytics nel tuo progetto.

  3. Crea l'oggetto configurazione remoto singleton, come mostrato nel seguente esempio:

    Veloce

    remoteConfig = RemoteConfig.remoteConfig()
    let settings = RemoteConfigSettings()
    settings.minimumFetchInterval = 0
    remoteConfig.configSettings = settings

    Obiettivo-C

    self.remoteConfig = [FIRRemoteConfig remoteConfig];
    FIRRemoteConfigSettings *remoteConfigSettings = [[FIRRemoteConfigSettings alloc] init];
    remoteConfigSettings.minimumFetchInterval = 0;
    self.remoteConfig.configSettings = remoteConfigSettings;

Questo oggetto viene utilizzato per archiviare i valori dei parametri predefiniti in-app, recuperare i valori dei parametri aggiornati dal backend di configurazione remota e il controllo quando vengono resi i valori recuperati per l'app.

Durante lo sviluppo, si consiglia di impostare un intervallo di recupero minimo relativamente basso. Vedi throtting per ulteriori informazioni.

Passaggio 2: imposta i valori dei parametri predefiniti in-app

È possibile impostare i valori dei parametri predefiniti in-app nell'oggetto configurazione remoto, in modo che l'app si comporti come previsto prima che si connetta al backend di configurazione remota e in modo che i valori predefiniti siano disponibili se nessuno è impostato nel backend.

  1. Definire un set di nomi dei parametri e valori dei parametri predefiniti utilizzando un oggetto NSDictionary o un file plist .

    Se sono già stati configurati i valori dei parametri di backend di configurazione remoto, è possibile scaricare un file plist generato che include tutti i valori predefiniti e salvarlo nel progetto Xcode.

    RIPOSO

    curl --compressed -D headers -H "Authorization: Bearer token -X GET https://firebaseremoteconfig.googleapis.com/v1/projects/my-project-id/remoteConfig:downloadDefaults?format=PLIST -o RemoteConfigDefaults.plist
    

    Console Firebase

    1. Nella scheda Parametri , apri il menu e seleziona Scarica i valori predefiniti .

    2. Quando richiesto, abilita .plist per iOS , quindi fai clic su Scarica il file .

  2. Aggiungi questi valori all'oggetto config remoto usando setDefaults: . Il seguente esempio imposta i valori predefiniti in-app da un file plist:

    Veloce

    remoteConfig.setDefaults(fromPlist: "RemoteConfigDefaults")

    Obiettivo-C

    [self.remoteConfig setDefaultsFromPlistFileName:@"RemoteConfigDefaults"];

Passaggio 3: ottenere i valori dei parametri da utilizzare nella tua app

Ora è possibile ottenere valori dei parametri dall'oggetto configurazione remoto. Se successivamente si impostano i valori nel backend di configurazione remoto, li prendi e quindi li attivi, quei valori sono disponibili per la tua app. Altrimenti, si configurano i valori dei parametri in-app utilizzando setDefaults: . Per ottenere questi valori, chiamare configValueForKey: Metodo, fornendo la chiave dei parametri come argomento.

Passaggio 4: impostare i valori dei parametri

Utilizzando la console Firebase o le API di backend di configurazione remota , è possibile creare nuovi valori predefiniti backend che sovrascrivono i valori in-app in base alla logica condizionale desiderata o al targeting dell'utente. Questa sezione ti guida attraverso i passaggi della console Firebase per creare questi valori.

  1. Nella console Firebase , apri il tuo progetto.
  2. Selezionare la configurazione remota dal menu per visualizzare la dashboard di configurazione remota.
  3. Definisci i parametri con gli stessi nomi dei parametri che hai definito nella tua app. Per ciascun parametro, è possibile impostare un valore predefinito (che alla fine sovrascriverà il valore predefinito in-app) e puoi anche impostare i valori condizionali. Per saperne di più, consultare i parametri e le condizioni di configurazione remoto .

Passaggio 5: recuperare e attivare i valori

Per recuperare i valori dei parametri dalla configurazione remota, chiamare fetchWithCompletionHandler: o fetchWithExpirationDuration:completionHandler: Metodo. Eventuali valori impostati sul backend vengono recuperati e memorizzati nella cache nell'oggetto di configurazione remoto.

Per i casi in cui si desidera recuperare e attivare i valori in una chiamata, utilizzare fetchAndActivateWithCompletionHandler: .

Questo esempio ottiene i valori dal backend di configurazione remoto (non valori memorizzati nella cache) e chiama activateWithCompletionHandler: per renderli disponibili per l'app:

Veloce

remoteConfig.fetch { (status, error) -> Void in
  if status == .success {
    print("Config fetched!")
    self.remoteConfig.activate { changed, error in
      // ...
    }
  } else {
    print("Config not fetched")
    print("Error: \(error?.localizedDescription ?? "No error available.")")
  }
  self.displayWelcome()
}

Obiettivo-C

[self.remoteConfig fetchWithCompletionHandler:^(FIRRemoteConfigFetchStatus status, NSError *error) {
    if (status == FIRRemoteConfigFetchStatusSuccess) {
        NSLog(@"Config fetched!");
      [self.remoteConfig activateWithCompletion:^(BOOL changed, NSError * _Nullable error) {
        if (error != nil) {
          NSLog(@"Activate error: %@", error.localizedDescription);
        } else {
          dispatch_async(dispatch_get_main_queue(), ^{
            [self displayWelcome];
          });
        }
      }];
    } else {
        NSLog(@"Config not fetched");
        NSLog(@"Error %@", error.localizedDescription);
    }
}];

Poiché questi valori dei parametri aggiornati influenzano il comportamento e l'aspetto della tua app, è necessario attivare i valori recuperati in un momento che garantisce un'esperienza regolare per l'utente, come la prossima volta che l'utente apre la tua app. Vedere strategie di caricamento della configurazione remota per ulteriori informazioni ed esempi.

Passaggio 6: ascolta gli aggiornamenti in tempo reale

Dopo aver recuperato i valori dei parametri, è possibile utilizzare la configurazione remota in tempo reale per ascoltare gli aggiornamenti dal backend di configurazione remoto. Segnali di configurazione remoto in tempo reale su dispositivi connessi quando sono disponibili gli aggiornamenti e recupera automaticamente le modifiche dopo aver pubblicato una nuova versione di configurazione remota.

Gli aggiornamenti in tempo reale sono supportati dall'SDK Firebase per le piattaforme Apple V10.7.0+ e superiori.

  1. Nella tua app, chiama addOnConfigUpdateListener per iniziare ad ascoltare gli aggiornamenti e prendere automaticamente eventuali valori di parametri nuovi o aggiornati. Il seguente esempio ascolta gli aggiornamenti e quando viene chiamato activateWithCompletionHandler , utilizza i valori appena recuperati per visualizzare un messaggio di benvenuto aggiornato.

    Veloce

    remoteConfig.addOnConfigUpdateListener { configUpdate, error in
      guard let configUpdate, error == nil else {
        print("Error listening for config updates: \(error)")
      }
    
      print("Updated keys: \(configUpdate.updatedKeys)")
    
      self.remoteConfig.activate { changed, error in
        guard error == nil else { return self.displayError(error) }
        DispatchQueue.main.async {
          self.displayWelcome()
        }
      }
    }
    

    Obiettivo-C

    __weak __typeof__(self) weakSelf = self;
    [self.remoteConfig addOnConfigUpdateListener:^(FIRRemoteConfigUpdate * _Nonnull configUpdate, NSError * _Nullable error) {
      if (error != nil) {
        NSLog(@"Error listening for config updates %@", error.localizedDescription);
      } else {
        NSLog(@"Updated keys: %@", configUpdate.updatedKeys);
    
        __typeof__(self) strongSelf = weakSelf;
        [strongSelf.remoteConfig activateWithCompletion:^(BOOL changed, NSError * _Nullable error) {
          if (error != nil) {
            NSLog(@"Activate error %@", error.localizedDescription);
          }
    
          dispatch_async(dispatch_get_main_queue(), ^{
            [strongSelf displayWelcome];
          });
        }];
      }
    }];
    
  2. La prossima volta che pubblichi una nuova versione della tua configurazione remota, i dispositivi che eseguono la tua app e l'ascolto per le modifiche chiameranno il gestore di completamento.

Limitazione

Se un'app prende troppe volte in un breve periodo di tempo, le chiamate di recupero vengono strofinate e l'SDK restituisce FIRRemoteConfigFetchStatusThrottled . Prima della versione 6.3.0 SDK, il limite era di 5 richieste di recupero in una finestra di 60 minuti (le versioni più recenti hanno limiti più permissivi).

Durante lo sviluppo delle app, potresti voler recuperare più spesso per aggiornare la cache molto frequentemente (molte volte all'ora) per consentirti di ripetere rapidamente mentre sviluppi e testare la tua app. Gli aggiornamenti di configurazione remoto in tempo reale bypassano automaticamente la cache quando la configurazione viene aggiornata sul server. Per adattarsi a una rapida iterazione su un progetto con numerosi sviluppatori, è possibile aggiungere temporaneamente una proprietà FIRRemoteConfigSettings con un intervallo minimo di recupero minimo ( MinimumFetchInterval ) nella tua app.

L'intervallo di recupero di produzione predefinito e consigliato per la configurazione remota è di 12 ore, il che significa che le configurazioni non verranno recuperate dal backend più di una volta in una finestra di 12 ore, indipendentemente da quante chiamate di recupero vengono effettivamente effettuate. In particolare, l'intervallo di recupero minimo è determinato in questo ordine seguente:

  1. Il parametro in fetch(long)
  2. Il parametro in FIRRemoteConfigSettings.MinimumFetchInterval
  3. Il valore predefinito di 12 ore

Prossimi passi

Se non l'hai già fatto, esplora i casi d'uso di configurazione remota e dai un'occhiata ad alcuni dei concetti chiave e alla documentazione di strategie avanzate, tra cui: