Inizia a utilizzare App Check con Play Integrity su Android

Questa pagina mostra come abilitare App Check in un'app Android, utilizzando il provider Play Integrity integrato. Quando abiliti App Check, contribuisci a garantire che solo la tua app possa accedere alle risorse Firebase del tuo progetto. Visualizza una panoramica di questa funzionalità.

Attualmente, il provider Play Integrity integrato supporta solo le app Android distribuite da Google Play. Per utilizzare le funzionalità off-Play di Play Integrity o per utilizzare App Check con il tuo provider personalizzato, consulta Implementare un provider App Check personalizzato .

1. Configura il tuo progetto Firebase

  1. Aggiungi Firebase al tuo progetto Android se non l'hai già fatto.

  2. Abilita l'API Play Integrity:

    1. In Google Play Console , seleziona la tua app o aggiungila se non l'hai già fatto.

    2. Nella sezione Versione , fai clic su Integrità dell'app .

    3. Vai alla sezione API Play Integrity della pagina, fai clic su Collega progetto Cloud , quindi seleziona il tuo progetto Firebase dall'elenco dei progetti Google Cloud. Il progetto che selezioni qui deve essere lo stesso progetto Firebase in cui registri la tua app (vedi il passaggio successivo).

  3. Registra le tue app per utilizzare App Check con il provider Play Integrity nella sezione App Check della console Firebase. Dovrai fornire l'impronta digitale SHA-256 del certificato di firma della tua app.

    In genere devi registrare tutte le app del tuo progetto perché, una volta abilitata l'applicazione per un prodotto Firebase, solo le app registrate potranno accedere alle risorse backend del prodotto.

  4. Facoltativo : nelle impostazioni di registrazione dell'app, imposta un time-to-live (TTL) personalizzato per i token App Check emessi dal provider. È possibile impostare il TTL su qualsiasi valore compreso tra 30 minuti e 7 giorni. Quando si modifica questo valore, tenere presente i seguenti compromessi:

    • Sicurezza: TTL più brevi forniscono una maggiore sicurezza, perché riducono la finestra in cui un token trapelato o intercettato può essere abusato da un utente malintenzionato.
    • Prestazioni: TTL più brevi indicano che l'app eseguirà l'attestazione con maggiore frequenza. Poiché il processo di attestazione dell'app aggiunge latenza alle richieste di rete ogni volta che viene eseguito, un TTL breve può influire sulle prestazioni dell'app.
    • Quota e costo: TTL più brevi e frequenti riattestazioni riducono la quota più rapidamente e, per i servizi a pagamento, potenzialmente costano di più. Vedi Quote e limiti .

    Il TTL predefinito di 1 ora è ragionevole per la maggior parte delle app. Tieni presente che la libreria App Check aggiorna i token a circa la metà della durata TTL.

2. Aggiungi la libreria App Check alla tua app

Nel file Gradle del tuo modulo (a livello di app) (solitamente <project>/<app-module>/build.gradle.kts o <project>/<app-module>/build.gradle ), aggiungi la dipendenza per App Check libreria per Android. Ti consigliamo di utilizzare la distinta base Android Firebase per controllare il controllo delle versioni della libreria.

dependencies {
    // Import the BoM for the Firebase platform
    implementation(platform("com.google.firebase:firebase-bom:32.7.2"))

    // Add the dependencies for the App Check libraries
    // When using the BoM, you don't specify versions in Firebase library dependencies
    implementation("com.google.firebase:firebase-appcheck-playintegrity")
}

Utilizzando la distinta base Firebase per Android , la tua app utilizzerà sempre le versioni compatibili delle librerie Firebase Android.

(Alternativa) Aggiungi le dipendenze della libreria Firebase senza utilizzare la distinta base

Se scegli di non utilizzare la distinta base Firebase, devi specificare ciascuna versione della libreria Firebase nella relativa riga di dipendenza.

Tieni presente che se utilizzi più librerie Firebase nella tua app, ti consigliamo vivamente di utilizzare la distinta base per gestire le versioni della libreria, il che garantisce che tutte le versioni siano compatibili.

dependencies {
    // Add the dependencies for the App Check libraries
    // When NOT using the BoM, you must specify versions in Firebase library dependencies
    implementation("com.google.firebase:firebase-appcheck-playintegrity:17.1.2")
}
Cerchi un modulo di libreria specifico per Kotlin? A partire da ottobre 2023 (Firebase BoM 32.5.0) , sia gli sviluppatori Kotlin che quelli Java potranno dipendere dal modulo della libreria principale (per i dettagli, vedere le FAQ su questa iniziativa ).

3. Inizializza Controllo app

Aggiungi il seguente codice di inizializzazione alla tua app in modo che venga eseguita prima di utilizzare qualsiasi altro SDK Firebase:

Kotlin+KTX

Firebase.initialize(context = this)
Firebase.appCheck.installAppCheckProviderFactory(
    PlayIntegrityAppCheckProviderFactory.getInstance(),
)

Java

FirebaseApp.initializeApp(/*context=*/ this);
FirebaseAppCheck firebaseAppCheck = FirebaseAppCheck.getInstance();
firebaseAppCheck.installAppCheckProviderFactory(
        PlayIntegrityAppCheckProviderFactory.getInstance());

Prossimi passi

Una volta installata la libreria App Check nella tua app, inizia a distribuire l'app aggiornata ai tuoi utenti.

L'app client aggiornata inizierà a inviare token App Check insieme a ogni richiesta effettuata a Firebase, ma i prodotti Firebase non richiederanno che i token siano validi finché non abiliti l'applicazione nella sezione App Check della console Firebase.

Monitorare le metriche e abilitare l'applicazione

Prima di abilitare l'applicazione, tuttavia, dovresti assicurarti che ciò non interrompa gli utenti legittimi esistenti. D'altro canto, se noti un utilizzo sospetto delle risorse dell'app, potresti voler abilitare l'applicazione prima.

Per aiutarti a prendere questa decisione, puoi esaminare le metriche di App Check per i servizi che utilizzi:

Abilita l'applicazione di App Check

Una volta compreso l'effetto di App Check sui tuoi utenti e quando sei pronto per procedere, puoi abilitare l'applicazione di App Check:

Utilizza App Check negli ambienti di debug

Se, dopo aver registrato l'app per App Check, desideri eseguire l'app in un ambiente che App Check normalmente non classificherebbe come valido, ad esempio un emulatore durante lo sviluppo o da un ambiente di integrazione continua (CI), puoi crea una build di debug della tua app che utilizza il provider di debug App Check anziché un vero provider di attestazione.

Consulta Utilizzare App Check con il provider di debug su Android .