Quote e limiti

Questa pagina descrive in dettaglio i limiti scalabili e basati sull'utilizzo per le funzioni cloud in base al piano tariffario con pagamento in base al consumo di Blaze. Questi limiti si applicano ai progetti Firebase che distribuiscono funzioni nell'ambiente di runtime Node.js 10.

Il piano Blaze fornisce gratuitamente quantità generose di chiamate, tempo di calcolo e traffico Internet. Tuttavia, le distribuzioni di funzioni comportano addebiti su piccola scala per lo spazio di archiviazione utilizzato per il contenitore della funzione. Per ulteriori informazioni, consulta le domande frequenti su Firebase.

Le quote per le funzioni Google Cloud comprendono 3 aree:

  • Limiti delle risorse

    Questi influiscono sulla quantità totale di risorse che le tue funzioni possono consumare.

  • Limiti di tempo

    Questi influiscono sulla durata delle cose.

  • Limiti tariffari

    Questi influiscono sulla velocità con cui è possibile chiamare l'API di Cloud Functions e/o sulla velocità con cui le risorse possono essere utilizzate. Puoi pensare alle quote tariffarie come a "risorse nel tempo".

I diversi tipi di limiti sono descritti più dettagliatamente di seguito. Le differenze tra i limiti per le funzioni cloud (1a generazione) e le funzioni cloud (2a generazione) sono annotate ove applicabili.

Limiti delle risorse

I limiti delle risorse influiscono sulla quantità totale di risorse che le tue funzioni possono consumare. L'ambito regionale è per progetto e ogni progetto mantiene i propri limiti.

Quota Descrizione Limite (1a generazione) Limite (2a generazione) Può essere aumentato Scopo
Numero di funzioni Il numero totale di funzioni che possono essere distribuite per regione 1.000 1.000 meno il numero di servizi Cloud Run distribuiti No per regione
Dimensione massima della distribuzione La dimensione massima di una distribuzione di una singola funzione 100 MB (compresso) per le sorgenti.
500 MB (non compresso) per sorgenti più moduli.
N / A No per funzione
Dimensione massima della richiesta HTTP non compressa Dati inviati alle funzioni HTTP in una richiesta HTTP 10 MB 32 MB No per invocazione
Dimensione massima della risposta HTTP non compressa Dati inviati dalle funzioni HTTP in una risposta HTTP 10 MB 10 MB per le risposte in streaming.
32 MB per le risposte non in streaming.
No per invocazione
Dimensione massima dell'evento per le funzioni basate su eventi Dati inviati negli eventi alle funzioni in background 10 MB 512KB per eventi Eventarc.
10 MB per eventi legacy.
No per evento
Memoria massima delle funzioni Quantità di memoria che ciascuna istanza di funzione può utilizzare 8GiB 16GiB No per funzione

Limiti di tempo

Quota Descrizione Limite (1a generazione) Limite (2a generazione) Può essere aumentato Scopo
Durata massima della funzione La quantità massima di tempo in cui una funzione può essere eseguita prima di essere terminata forzatamente 540 secondi 60 minuti per le funzioni HTTP.
10 minuti per le funzioni basate su eventi.
No per invocazione

Limiti tariffari

Quota Descrizione Limite (1a generazione) Limite (2a generazione) Può essere aumentato Scopo
Chiamate API (LEGGI) Chiamate per descrivere o elencare funzioni tramite l'API Cloud Functions 5000 ogni 100 secondi 1200 ogni 60 secondi Solo per la 1a gen per progetto (1a generazione)
per regione (2a generazione)
Chiamate API (SCRITTURA) Chiamate per distribuire o eliminare funzioni tramite l'API Cloud Functions 80 ogni 100 secondi 60 ogni 60 secondi n. 1 per progetto (1a generazione)
per regione (2a generazione)
Chiamate API (CALL) Chiamate all'API "call". 16 ogni 100 secondi N / A n. 2 per progetto

Scalabilità

Le funzioni cloud richiamate da HTTP aumentano rapidamente per gestire il traffico in entrata, mentre le funzioni in background scalano più gradualmente. La capacità di scalabilità verticale di una funzione è dettata da alcuni fattori, tra cui:

  • La quantità di tempo necessaria per il completamento dell'esecuzione di una funzione (le funzioni a esecuzione breve possono generalmente aumentare per gestire più richieste simultanee).
  • La quantità di tempo necessaria per l'inizializzazione di una funzione all'avvio a freddo
  • Limiti tariffari , come descritto sopra.
  • Il tasso di errore della tua funzione.
  • Fattori transitori, come il carico regionale e la capacità del data center.
Le funzioni in background hanno limiti aggiuntivi, come spiegato di seguito. Questi limiti non si applicano alle funzioni HTTP .

Quote aggiuntive per le funzioni in background

Quota Descrizione Limite Può essere aumentato Scopo
Numero massimo di invocazioni simultanee Il numero massimo di chiamate simultanee di una singola funzione
Esempio: se la gestione di ogni evento richiede 100 secondi, la frequenza di invocazione sarà limitata in media a 30 al secondo
3.000 No per funzione
Tasso massimo di invocazione La frequenza massima di eventi gestiti da una singola funzione
Esempio: se la gestione di un evento richiede 100 ms, la frequenza di invocazione sarà limitata a 1000 al secondo anche se in media vengono gestite solo 100 richieste in parallelo
1000 al secondo No per funzione
Dimensione massima dei dati degli eventi simultanei La dimensione totale massima degli eventi in ingresso per le chiamate simultanee di una singola funzione
Esempio: se gli eventi hanno una dimensione di 1 MB e l'elaborazione degli stessi richiede 10 secondi, la velocità media sarà di 1 evento al secondo, poiché l'11° evento non verrà elaborato fino al termine dell'elaborazione di uno dei primi 10 eventi
10 MB No per funzione
Velocità effettiva massima degli eventi in arrivo Il throughput massimo di eventi in ingresso a una singola funzione
Esempio: se gli eventi hanno una dimensione di 1 MB, la frequenza di invocazione può essere al massimo di 10 al secondo, anche se le funzioni terminano entro 100 ms
10 MB al secondo No per funzione

Quando raggiungi un limite di quota

Quando una funzione consuma tutta una risorsa allocata, la risorsa diventa non disponibile finché la quota non viene aggiornata o aumentata. Ciò potrebbe significare che la tua funzione e tutte le altre funzioni nello stesso progetto non funzioneranno fino a quel momento. Una funzione restituisce un codice di errore HTTP 500 quando una delle risorse supera la quota e la funzione non può essere eseguita.

Per aumentare le quote al di sopra delle impostazioni predefinite qui elencate, vai alla pagina Quote di Cloud Functions , seleziona le quote che desideri modificare, fai clic su MODIFICA QUOTE , fornisci le informazioni utente se richiesto e inserisci il nuovo limite di quota per ciascuna quota selezionata.

Limiti di quota per la distribuzione della CLI di Firebase

Per ciascuna funzione implementata dall'interfaccia a riga di comando di Firebase, sono interessati questi tipi di velocità e limiti di tempo:

  • Chiamate API (READ) - 1 chiamata per distribuzione, indipendentemente dal numero di funzioni
    • Limite: 5000 ogni 100 secondi
  • Chiamate API (WRITE) - 1 chiamata per funzione
    • Limite: 80 ogni 100 secondi

Vedere anche il riferimento alla CLI di Firebase .